Una tavola rotonda sul “Culto del Crocifisso a San Pietro al Tanagro tra fede, arte e tradizioni”

In occasione delle celebrazioni del Santissimo Crocifisso che sarà festeggiato a San Pietro al Tanagro il prossimo 17 settembre (terza domenica di settembre), la Parrocchia San Pietro Apostolo   organizza per Venerdì 15 alle ore 19:00 presso la Chiesa Madre una tavola rotonda dal tema “Il culto del Crocifisso a San Pietro al Tanagro tra culto, arte e tradizioni”.

Dopo i saluti del sindaco Domenico Quaranta e dell’assessore Antonio Pagliarulo, interverranno don Franco Maltempo (“Il Crocifisso nella Cristianità”), lo storico Nicola Spinelli (“Il culto e la tradizione popolare del Crocifisso nel Meridione d’Italia ed in particolare a San Pietro al Tanagro”), e Marco Ambrogi, architetto e direttore del Museo Diocesano di Teggiano (“L’iconografia della croce nella devozione popolare, le croci viarie del Vallo di Diano”). Modera i lavori Elena Fiordispina.

La chiesetta si trova a circa 750 metri sul livello del mare, dove fu costruita nel 1899 sulla sommità del monte Ausiliatrice, da allora in poi denominato monte del Crocifisso. La costruzione fu voluta con molta fede e realizzata con molta fatica dai sanpetresi, i quali prelevarono e squadrarono in sito le pietre, data l’assenza di una strada di accesso al luogo che avrebbe consentito il trasporto fino in cima del materiale. Tuttora la vetta del monte si raggiunge solo a piedi attraverso un aspro sentiero, il che rende il pellegrinaggio particolarmente intenso, data altresì la natura alta e scoscesa del paesaggio. La volontà di edificare la cappella e di istituire la festa del SS. Crocifisso scaturì con forza dagli abitanti di San Pietro al Tanagro, spronati dal giovane sacerdote don Giuseppe Procaccio, in ragione della grande devozione che nutrivano verso questo culto, così come gli altri abitanti del Vallo di Diano. Nel corso dell’Ottocento, infatti, molto diffuso era il pellegrinaggio verso Brienza nella vicina Val d’Agri in onore del Crocifisso e dell’Addolorata.

 

Notizia letta 215 volte

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>