Rifiuti speciali interrati nell’area industriale di Polla: tutti i dettagli dal Capitano Davide Acquaviva

Dal Capitano Davide Acquaviva, Comandante della Compagnia Carabinieri di Sala Consilina, tutti i dettagli dell’operazione ha portato alla scoperta di ben circa 6 tonnellate di rifiuti speciali, delle quali 2 anche pericolosi per la presenza di lastre di eternit e amiato, e alla denuncia di tre persone scoperte in flagranza di reato mentre erano intenti ad interrarli in un terreno situato nell’area industriale di Polla (GUARDA IL VIDEO SERVIZIO CON L’INTERVISTA  REALIZZATA NELL’AREA INDUSTRIALE DI POLLA).

Il Capitano Acquaviva si sofferma anche sulle procedure necessarie per la bonifica del sito, e sulla necessità di compiere nuove indagini e sondaggi dei terreni per verificare la presenza di eventuali altri rifiuti speciali interrati. Il Comandante della Compagnia Carabinieri di Sala Consilina fa anche il punto della situazione relativamente alle attività di prevenzione e soppressione messe in campo contro la piaga dell’inquinamento ambientale nel Vallo di Diano.

DAVIDE ACQUAVIVA

Venerdì scorso i Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, al comando del Capitano Davide Acquaviva, nel corso di controlli nell’area industriale di Polla, finalizzati alla verifica del rispetto della normativa ambientale, hanno denunciato piede libero tre uomini – un 30enne, un 61enne ed un 74enne del posto – per abbandono incontrollato di rifiuti speciali ed attività di gestione dei rifiuti non autorizzata.

Foto 4 Foto 5

I militari della Stazione Carabinieri di Polla, in collaborazione con quelli della locale Stazione Carabinieri Forestale, in un terreno situato nella Zona Industriale del comune di Polla hanno sorpreso in flagranza di reato i tre uomini pollesi intenti ad interrare, anche con l’ausilio di un escavatore ed un autocarro, circa 2 tonnellate di rifiuti speciali, anche pericolosi. Gran parte del materiale rinvenuto nel sito – un’area di circa 5000 mq, sottoposta a sequestro – risulta composto da lastre in fibrocemento-eternit, materiale di risulta da demolizione, pneumatici e varie componenti plastiche e ferrose. L’ARPAC è stata interessata per gli accertamenti di competenza.

Notizia letta 2466 volte

Potrebbe piacerti anche ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>