Maxi operazione contro lo spaccio di droga sull’asse Albania-Italia: in carcere anche un salernitano

Nella prima ore della mattinata, il Centro Operativo della DIA di Bari ha eseguito, in diverse località del territorio nazionale e in Albania, un provvedimento di custodia cautelare in carcere, emesso dal Gip presso il Tribunale di Bari nei confronti di 43 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti e spaccio di ingenti quantitativi di stupefacente.
Uno dei destinatari del provvedimento è Luigi Orilia di 34 anni, pregiudicato residente a Salerno e sottoposto alla sorveglianza speciale per pregressi reati di spaccio. A Orilia vengono contestati tre significativi approvvigionamenti (più di 5  chili di marijuana) che lo stesso ha commissionato, nel 2016, ad alcuni appartenenti al sodalizio criminale barese/albanese. Lo stupefacente, quasi interamente recuperato nel luglio del 2016 mentre veniva portato a destinazione dai corrieri, nel corso di un controllo di polizia effettuato a Benevento, era destinato alle piazze di spaccio di Salerno.
Nel corso delle operazioni, curate da personale della Sezione Operativa della Dia di Salerno, ben occultata nell’abitazione di Orilia  è stato rinvenuto un involucro contenente circa 100 grammi di marijuana, motivo per il quale lo stesso pregiudicato è stato deferito in stato di libertà alla Procura di Salerno, per il reato di detenzione ai fini spaccio di stupefacente.

Notizia letta 109 volte

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>