Ergon SPA: si dimette l’intero Consiglio di Amministrazione.

Dopo la notizia di questa mattina relativa alle dimissioni di quattro componenti del Consiglio di amministrazione di Ergon Spa, è arrivata la notizia nel pomeriggio cha a presentare le proprio dimissioni è stato l’intero consiglio di amministrazione dell’azienda.  Circa 70 lavoratori della Ergon, quindi, rischiano il posto di lavoro. E’ quello che potrebbe accadere alla luce degli ultimi sviluppi della vicenda legata al braccio di ferro a colpi di carta bollata tra il commissario liquidatore del Consorzio di Bacino Salerno 3 Giovanni Siano ed il consiglio di amministrazione della Ergon, società partecipata del Consorzio alla quale era stato ceduto il ramo rifiuti. Se la Ergon dovesse essere messa in liquidazione qualora venisse fuori la presenza di debiti i lavoratori rischiano di finire in cassa integrazione. Per sapere qual è la reale situazione finanziaria della società bisognerà attendere che il Commissario Siano entri in possesso di tutte le scritture contabili della società per azioni. Le dimissioni di questa mattina scaturiscono dall’ordinanza ex articolo 700 del codice di procedura civile emessa dal tribunale di Sala Consilina nello scorso mese di ottobre. Siano ora convocherà l’assemblea dei soci della Ergon e potrà fare tutte le verifiche sui conti della società. Il commissario liquidatore e custode giudiziario, Giovanni Siano, anche nella sua qualità di socio della Ergon Spa, aveva promosso  un’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori della stessa società partecipata al 51% del Consorzio Rifiuti Bacino Sa3 per l’inosservanza dei doveri imposti dalla legge e dall’atto costitutivo nell’amministrazione della società stessa. Insomma, anche in applicazione del comma 3 dell’art. 2476 c.c., il dott. Siano aveva chiesto, in garanzia della propria posizione di socio di maggioranza, un provvedimento cautelare d’urgenza a seguito di gravi irregolarità nella gestione della Ergon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#