Salerno: NAC, maxisequestro di vini e falsi ‘made in Italy’ dalla Cina.

C’erano anche i NAC (Nucleo antifrodi del COmando carabinieri politiche agricole e alimentari) di Salerno, nell’operazione con  i Nuclei Antifrodi Carabinieri di Roma e Parma, che ha portato al maxisequestro di vini e falsi ‘made in Italy’, provenienti in realtà dalla Cina: sono stati sequestrate 3.100 tonnellate di vino e 4.5 tonnellate di doppio concentrato di pomodoro. Contestate inoltre oltre 700 mila euro di sanzioni in materia di tracciabilità e di indebita evocazione di “marchi di qualità”. Sequestrati beni per oltre 350.000 euro equivalenti a finanziamenti comunitari illecitamente percepiti nel comparto ortofrutta. Nel mirino dei Nac, che hanno svolto controlli straordinari sulla campagna di vinificazione 2012 e sulla “tracciabilità” dei prodotti agroalimentari in genere, soprattutto l’osservanza delle norme sulla etichettatura dei prodotti con marchi di qualità, DOP, IGP, STG e biologico. In particolare i Nuclei Antifrodi Carabinieri di Roma, Parma e Salerno hanno operato su tutto il territorio nazionale in collaborazione con l’Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e della Repressione Frodi dei prodotti agroalimentari del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, effettuando controlli su 173 imprese. Oltre 3.100 tonnellate di vino, in parte ancora allo stato di mosto, era stato dichiarato come DOC/DOCG, ma in realtà non era mai stato registrato sui documenti contabili di cantina essendo destinato alla commercializzazione “in nero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#