Sant’Arsenio (SA): i sindaci di Sant’Arsenio e San Rufo al TAR Campania per l’annullamento degli atti pregiudizievoli nei confronti dell’autonomia organizzativa scolastica.

I Sindaci dei Comuni di Sant’Arsenio e di San Rufo, Nicola Pica e Gianna Pina Benvenga, insieme al dirigente scolastico Elio Cantelmi, difesi dall’avvocato Nicola Senatore, si sono presentati davanti al TAR Campania di Napoli, per chiedere l’annullamento di tutti gli atti pregiudizievoli adottati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal competente Ufficio Regionale sulla riorganizzazione delle autonomie scolastiche. I due comuni più quello di San Pietro al Tanagro avevano deciso nel 2009 di aggregare i plessi scolastici di loro competenza riconoscendone autonomia organizzativa e gestionale. Le amministrazioni statali e regionali hanno adottato dei provvedimenti per la razionalizzazione della spesa nelle istituzioni scolastiche autonome, per un numero di alunni inferiore a 600 unità, ridotti fino a 400 nei comuni montani. Per questo, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca hanno considerato dall’elenco dei comuni di montagna solo quello di San Rufo, e non quelli di Sant’Arsenio e San Pietro al Tanagro. I sindaci ed il dirigente scolastico hanno fortemente criticato il disegno governativo che comprometterebbe l’autonomia dell’istituto comprensivo di Sant’Arsenio, San Rufo e San Pietro al Tanagro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#