Cava dei Tirreni (SA): molestie, divieto di avvicinamento per un 55enne cavese.

Ieri pomeriggio, personale del settore anticrimine del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cava de’ Tirreni ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, dal Tribunale di Salerno Sezione del Giudice per le Indagini Preliminari, nei confronti di un uomo cavese, di anni 55. Il 55enne si era reso responsabile di atti persecutori, furto, ingiurie, violenza privata, minacce, molestie nei confronti della ex convivente, anche lei cavese di anni 43. Al riguardo, i poliziotti del locale Commissariato di Polizia hanno svolto un’articolata attività di Polizia Giudiziaria, a seguito delle denunce formalizzate dalla parte offesa, che ha subito continue vessazioni dall’ex convivente che non accettava, in alcun modo, l’interruzione della loro relazione sentimentale.  Il persecutore, in particolare, si è reso responsabile, col passare del tempo, di una escalation di comportamenti che si evolvevano passando dalle molestie telefoniche alle minacce, dalle aggressioni verbali alle percosse, dai danneggiamenti dell’autovettura della denunciante fino a giungere al furto di telefoni cellulari per controllare la donna: atteggiamenti sintomatici della sua esponenziale pericolosità nei confronti della vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#