Contursi Terme (SA): eseguiti sequestri per 5,5 milioni di euro per truffa ai danni dello Stato.

I militari della Guardia di Finanza, Nucleo di Polizia Tributaria di Salerno, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica, hanno eseguito una misura cautelare reale in ordine al reato di “truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche”, per un valore complessivo di oltre 5,5 milioni di euro. A seguito di complesse ed articolate indagini, le Fiamme Gialle hanno ricostruito le vicende connesse alla concessione di un contributo pubblico erogato nell’ambito del “contratto d’area della Provincia di Salerno”, strumento di programmazione negoziata  finalizzato allo sviluppo del territorio attraverso la creazione di nuove iniziative imprenditoriali. La società molisana beneficiaria del contributo, avrebbe dovuto realizzare un complesso termale alberghiero, con annesso centro benessere, in località “Tufaro” di Contursi Terme (SA), per il quale è stato concesso un contributo di oltre 8 milioni di euro.  La società, previa istruttoria curata dall’ente provinciale di Salerno, ha – ad oggi – incassato contributi pubblici per un importo di  5 milioni e 580 mila euro, avendo dichiarato la realizzazione di circa il 70% del progetto, corrispondente a spese sostenute per un importo superiore a 10 milioni di euro. Di contro, le indagini hanno consentito di accertare l’esecuzione di lavori per poco più di un milione di euro: infatti, attraverso una società ad hoc costituita ed articolate operazioni contabili, sono state “confezionate” fatture per operazioni inesistenti, simulati fittizi pagamenti (con la complicità di un funzionario di un istituto di credito), al fine di dichiarare uno stato avanzamento dei lavori di gran lunga superiore a quello effettivo, nonché un inesistente aumento di capitale sociale, incamerando così il contributo pubblico, per la gran parte non destinato alla realizzazione dell’opera. Risultano, allo stato, indagate 9 persone, di cui 8 amministratori e soci (della società beneficiaria del contributo e di quella esecutrice degli pseudo-lavori) ed un funzionario di un istituto di credito. Le misure cautelari reali emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Salerno, su richiesta della locale Procura, hanno ad oggetto il sequestro preventivo dell’area e del cantiere termale – alberghiero sito in località “Tufaro” del Comune di Contursi Terme (SA), nonché delle somme di denaro, disponibilità finanziarie e beni immobili nei confronti dei 9 indagati, ciascuno fino ad un valore corrispondente alla somma di 4 milioni 343 mila euro.  Contestualmente, è stata data esecuzione a numerosi decreti di perquisizione nei confronti delle società coinvolte e degli indagati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#