Salerno: ieri la cerimonia di chiusura dei giochi della provincia 2012.

Si è tenuto ieri pomeriggio, presso il Teatro Augusteo di Salerno, la cerimonia di chiusura dei “Giochi della Provincia di Salerno 2012”. Alla manifestazione hanno partecipato, tra gli altri, il presidente della Provincia di Salerno, Antonio Iannone, e il presidente del Comitato provinciale Coni Salerno, Guglielmo Talento. Il teatro Augusteo è stato il palcoscenico dell’atto conclusivo dei Giochi della Provincia di Salerno e della Mostra del Manifesto Olimpico. «Ci è parso opportuno dare all’evento, che ha avuto luogodal 9 al 23 giugno scorsi – ha dichiarato Talento – una sobria, ma spettacolare cerimonia di chiusura, come ogni Olimpiade che si rispetti. Siamo riusciti a coinvolgere tutta la provincia e le sopite coscienze dei comuni. Siamo soddisfatti. Ha vinto lo sport, ha vinto la sinergia e la collaborazione tra gli enti- ha detto Talento. Presenti alla cerimonia la campionessa olimpica di fioretto Giovanna Trillini e Giuseppe Gentile, bronzo nel salto triplo a Messico ’68. Premiazioni, momenti di spettacolo e coreografie da mille e una notte, che hanno donato all’evento un’atmosfera magica. «Abbiamo accettato con piacere che la cerimonia di chiusura si svolgesse a Salerno, pure perché il comune capoluogo ha vinto i Giochi – ha commentato il consigliere Petillo- un ulteriore momento di gioia e di sport, oltre che di promozione per la città». «I Giochi della Provincia di Salerno, hanno riscosso molti consensi – ha sottolineato Iannone – e mi preme ringraziare istituzioni, sportivi e dirigenti, tutti coloro che in piena sinergia, hanno lavorato per organizzare l’evento. Vedo il successo nella capacità di aver animato e coinvolto il territorio. I Giochi della Provincia di Salerno sono stati presi a modello da tante altre realtà d’Italia, avendo anche una visibilità internazionale. È nostra intenzione dare alla manifestazione una cadenza biennale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *