Primarie Pd: il “caso Salerno” arriva sul tavolo romano.

Il “caso Salerno” arriva sul tavolo dei garanti nazionali del Partito Democratico. Dal comitato centrale di Renzi, a Firenze, hanno deciso che l’esclusione dei suoi sostenitori dalle liste delle primarie Pd a Salerno sarà oggetto di un ricorso alla commissione nazionale di garanzia. La decisione è arrivata dopo che ieri sera anche la commissione campana del Pd ha risposto niet alle istanze dei renziani, respingendo il ricorso sull’esclusione di Gennaro Fiume. L’ala che si ritrova nelle posizioni del sindaco di Firenze aveva puntato tutto su di lui, dopo che il partito aveva negato la deroga ai sindaci tagliando fuori Paolo Russomando. Anche su Fiume, però, è arrivato il veto: nel suo comune, a Siano, manca un circolo del Pd, è stata la giustificazione. E non sono bastate a far cambiare idea né le 562 firme raccolte a sostegno della candidatura né la circostanza che l’interessato sia un membro della direzione regionale.

Fonte: laCittà di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *