Petrolio: ritirate dimissioni sindaci Val D’Agri.

I sei sindaci della Val d’Agri , Grumento Nova, Montemurro, Paterno, Sarconi, Spinoso e Tramutola,  hanno ufficialmente ritirato le loro dimissioni, presentate per polemica contro mancate occasioni di sviluppo nell’area petrolifera lucana per eccellenza. “A seguito degli incontri tenuti con i capigruppo di tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio Regionale, con il Presidente della Giunta Regionale, con il Segretario Regionale del PD e da ultimo con i Sindaci del Piano Operativo Val d’Agri, si è aperto un fronte di discussione che ha portato i Sindaci di Grumento Nova, Montemurro, Paterno, Sarconi, Spinoso e Tramutola a revocare le dimissioni”.Lo comunicano gli stessi sindaci in una nota. “Se e’ vero, si legge nella nel documento dei primi cittadini,  che l’apprezzamento sulla moratoria e’ stato unanime e’ altrettanto vero che questo concentra tutto il ragionamento sul petrolio in Val d’Agri, ragion per cui non e’ più tempo di trascurare le emergenze del territorio. Gli impegni presi e i tempi saranno costantemente monitorati perche’ tutto non cada nell’oblio come altre volte e’ successo”. L’aspettativa dei primi cittadini e’ una discussione in Consiglio regionale. “Le dimissioni – concludono i primi cittadini di Grumento Nova, Montemurro, Paterno, Sarconi, Spinoso e Tramutola – sono state un atto forte e non sono diventate definitive, fermo restando che qualora in tempi ragionevoli non si registreranno sviluppi concreti sulle problematiche proposte le dimissioni dei sindaci saranno formalizzate in modo irrevocabile”. I sindaci sottolineano che “hanno dimostrato interesse per le istanze rappresentate dal territorio e senso dell’istituzione” e chiedono che “chi è deputato a recepire dimostri le stesse cose e lo faccia nei tempi e nei luoghi opportuni”. “Le dimissioni – concludono i sindaci  sono state un atto forte e non sono diventate definitive, poiché  qualora in tempi ragionevoli non si registreranno sviluppi concreti sulle problematiche proposte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *