Salerno: rifiuti, scongiurato il blocco del servizio, ma resta la protesta.

Evitato il blocco del servizio, ma lo stato di agitazione resta per i 396 lavoratori del Consorzio di Bacino Salerno 2. L’incontro di ieri tra i sindacati e lavoratori ha visto la realizzazione di un documento congiunto nel quale sono contenute una serie di richieste. In primis si chiede il mantenimento di tutti i posti di lavoro e la corresponsione precisa degli stipendi. Un qualcosa che nell’ultimo periodo non avviene a causa degli accordi non mantenuti dai Comuni. Sotto la lente d’ingrandimento la busta paga di novembre, che per molti dipendenti è risultata pari a zero , a seguito della restituzione dei prestiti personali su cui indaga la magistratura. I lavoratori restano sul piede di guerra e non escludono altre proteste. Intanto i sindacati si sono rivolti al Prefetto di Salerno, affinché quest’ultimo si renda promotore di una conferenza di servizi permanente, per permettere a Comuni e Consorzio il passaggio di competenze atteso per l’1 luglio. Sul fronte della raccolta rifiuti a Salerno, in città si sono registrati ieri alcuni ritardi nella zona orientale. In particolare a Pastena dove alcune utenze non sono state coperte dal ritiro del multimateriale. «Un ritardo fisiologico – ha spiegato l’assessore all’ambiente, Gerardo Calabrese – su 55mila utenze qualcosa può sfuggire. Ma tutto sarà recuperato».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#