Polla (SA): continua l’ondata di furti nella cittadina.

Ancora furti in diversi punti della cittadina pollese ad opera dei soliti ignoti, che nella tarda serata di ieri hanno messo a segno due colpi. I topi d’appartamento hanno preso di mira un’abitazione privata, da dove hanno portato via la cassaforte, contenente diversi oggetti preziosi. Un vero e proprio lavoro in stile “Arsenio Lupin”, studiato nei minimi particolari. Si pensa infatti, che gli autori del vile gesto siano dei professionisti, considerando anche le modalità con cui è avvenuto il furto. Qualche ora dopo, l’allarme è scattato presso il deposito delle attrezzature del Comune situato in Via Loreto. I ladri approfittando del buio e della scarsa illuminazione, hanno agito indisturbati portando via dal magazzino alcuni elettrodomestici e attrezzature, tra cui televisori, frigoriferi e altri accessori dismessi e pronti per lo smaltimento. A fare l’amara scoperta questa mattina gli operai del Comune, che non hanno potuto far altro che constatarne l’accaduto. A suscitare l’interesse dei malviventi potrebbe essere stato il rame con cui vengono fabbricati gli elettrodomestici e alcuni tipi di accessori. Proprio il cosiddetto “Oro rosso”  è il metallo non ferroso più seguito dagli investitori in quanto ha un’importanza fondamentale nell’economia perchè è indispensabile in molti campi di applicazione ed il suo consumo è salito fortemente negli ultimi anni. Il rame rubato viene poi rivenduto  e successivamente smistato ad aziende sia in Italia che all’estero. Tutte ditte che riutilizzano il metallo per produrre grondaie, semilavorati, cavi elettrici, tombini, vasi, etc.. ossia gli stessi oggetti che vengono rubati. Quello dei furti di rame è un fenomeno sempre più crescente. Da un anno a questa parte infatti il numero dei furti di questo metallo sono aumentati del 68% rispetto al passato. Intanto il verificarsi di diversi episodi di furti ai danni di abitazioni e uffici ha messo in guardia la popolazione, che da diverso tempo vede aumentare a dismisura il preoccupante fenomeno.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#