Provincia di Salerno: al via la quarta seduta del PTCP per i comuni salernitani.

Parte dalla prossima settimana la quarta seduta della Conferenza di Piano Permanente per gli Ambiti identitari (PTCP) convocata dal presidente dell’Organismo di Piano Permanente, Marcello Feola. Dopo le attività svolte nel corso delle sedute precedenti tenutesi nei mesi di luglio, ottobre e dicembre 2012, si terranno altri incontri per discutere dell’attuazione del Piano provinciale. “Si tratta – sottolinea Marcello Feola, Presidente dell’Organismo del Piano Permanente  – di una fase importante, utile a dare sostegno ed offrire supporto tecnico ai Comuni nella redazione dei PUC secondo le linee guida dettate dal Ptcp”. Il Calendario degli incontri a cominciare da giovedì 4 aprile, vedrà la conferenza convocata per l’ambito alto medio Sele e alburni ovest; mercoledì 10 aprile poi sarà la volta dell’area metropolitana di Salerno – valle dell’irno- picentini; la settimana successiva si riunirà invece la conferenza per la piana del sele; mercoledì 17 e 24 aprile vertice tra i comuni del vallo di diano e del Cilento, a maggio poi l’8 e il 15 maggio si riuniranno i comuni dell’agro nocerino e della costiera amalfitana. A differenza delle altre tre sedute, le conferenze si svolgeranno tutte a Salerno a Palazzo Sant’Agostino presso la Sala Giunta e il Salone Bottiglieri. Gli incontri si terranno prevalentemente in mattinata a partire dalle 10, eccezion fatta per le conferenze degli ambiti di Salerno e del Vallo di diano che avranno luogo a partire dalle ore 15.   Uno strumento il PTCP, che raggruppa diverse misure di intervento come, lo pianificazione e lo sviluppo sostenibile, il sistema ambientale, il sistema economico, il sistema insediativo e infrastrutturale, per poi passare dalle politiche del paesaggio alla valutazione ambientale strategica. La proposta di Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale consente di lasciare una co-pianificazione nei prossimi decenni che può senza dubbio valorizzare, attraverso la riscoperta delle identità, delle storie e delle vocazioni di ciascun territorio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#