Tribunale di Sala C.na : Colucci interviene in merito al rinvio della Commissione di manutenzione dell’Ufficio Giudiziario.

Riceviamo e  Pubblichiamo

Si è appreso che il 03/04/2013 alle ore 10,00 presso il Tribunale di Sala Consilina si sarebbe dovuta tenere la Commissione di manutenzione dell’Ufficio Giudiziario di Sala Consilina, con la presenza del Presidente del Tribunale di Lagonegro, oltre agli componenti, tra cui Il Presidente del Tribunale di Sala Consilina, ed il Sindaco di Sala Consilina.

A seguito di una lettera del Sindaco di Sala Consilina, che ha comunicato la sua assenza nonché disaccordo,  tale riunione è stata rinviata.

Ci sembra che un tale atteggiamento sia oltre che inopportuno, anche irrispettoso della popolazione interessata al sopprimendo Tribunale di Sala Consilina per una serie di motivi, tra cui:

1)      La Corte Costituzionale deve ancora pronunciarsi sulla eccezione di incostituzionalità presentata da tutti i Tribunali, tra cui anche Sala Consilina;

2)      E’ stato accolto il ricorso presentato dagli avvocati del foro di Sala Consilina, che ha sollevato il principio di legittimità costituzionale relativa alla soppressione del tribunale;

3)      Il ricorso anzidetto ha senz’altro maggiore rilievo rispetto agli altri ricorsi, perché l’accorpamento del Tribunale Salese al tribunale di Lagonegro, prevede un accorpamento fuori regione e, quindi, fuori dal territorio di competenza della corte d’appello di Salerno;

4)      La revisione della geografia giudiziaria con la soppressione dei tribunali partirà il 13 settembre 2013;

5)      Non vi sono risorse sufficienti per far fronte al trasferimento di 31 tribunali, 31 procure e 220 sedi distaccate nonché 667 uffici dei giudici di pace, né tantomeno si conosce l’entità delle risorse necessarie per l’attuazione della soppressione;

6)      Non vi è ancora un Governo che possa dare attuazione al provvedimento di soppressione adottato;

7)      E’ possibile, oltre che auspicabile che il Governo che si insedierà porrà rimedio a questa scellerata riforma della geografia giudiziaria fatta a tavolino, senza la conoscenza delle realtà locali e senza un reale e dimostrabile risparmio per la collettività, anzi aggravandone i costi sociali.

Nel frattempo il Presidente del Tribunale di Sala Consilina, Dott. Sergio Antonio Robustella, difensore del nostro Tribunale, è stato trasferito ad altra sede ed entro due mesi lascerà la guida del foro soppresso di Sala Consilina con destinazione Corte d’Appello, sezione lavoro di Napoli e molti Giudici sono stati già trasferiti.

In tale situazione aumenteranno i disagi anche per la gestione ordinaria del foro salese, che si trova a far fronte ad una ingente mole di lavoro, che al momento conta circa 3.300 i procedimenti penali in atto, e circa seimila i procedimenti civili pendenti, come dichiarato autorevolmente dal Procuratore della Repubblica Dott. Amato Barile, anch’egli strenuo difensore della risposta di giustizia al territorio, oltre che del Tribunale di Sala Consilina, che ha manifestato la sua viva preoccupazione.

Per tali motivi la prevista riunione della Commissione di manutenzione programmata, ed ora slittata, è inopportuna ed ha il sapore quasi di volersi assicurare il risultato finora raggiunto da parte di chi ha sostenuto un tale scellerato accorpamento, senza preoccuparsi della reale risposta di giustizia e del costo che tutta la collettività ne dovrà subire.

Ma noi non dobbiamo rassegnarci e, per far capire a chi ci governa (o governerà) che la nostra non è una battaglia di campanile, ma una guerra di giustizia, dobbiamo riprendere le azioni di lotta già avviate e far sentire la nostra voce.

Quindi teniamo alto il livello di attenzione e prepariamoci ad una dura lotta per riappropriarci del nostro futuro.

Giuseppe Colucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#