San Marzano sul Sarno (SA): un uomo chiede scusa alla moglie e ai figli con un manifesto.

«Ciao Angela, ti devo chiedere scusa». Così recita l’inizio di un inconsueto manifesto affisso ieri mattina sulle mura della città di San Marzano sul Sarno. Autore un marzanese che ha deciso di chiedere pubblicamente perdono alla sua donna per averla a lungo trascurata. Un fatto privato reso pubblico per  chiedere davanti a tutti scusa. L’uomo, riconoscibile dalle iniziali S. S., nel manifesto racconta di essere stato a lungo distante dalla moglie Angela e dalle loro bambine, per questioni di lavoro e di carriera. Oggi confessa di essere dispiaciuto di quanto accaduto e chiede alla compagna di una vita di ricucire gli strappi. «Scusa per essere mancato come marito e come padre, travolto da una tempesta di lavoro, che mi ha fatto fare molti errori e mi ha fatto dedicare il mio tempo a cose inutili e futili, perdendo di vista la cosa più importante che avevo al mio fianco, TU e le nostre BIMBE», ha scritto. E poi si rivolge anche alle persone che sono state vicine alla moglie alle loro figlie, conoscendone la sofferenza. «Chiedo scusa alla tua famiglia, ai tuoi amici che ti hanno visto stare male per colpa mia, chiedo scusa alle nostre piccole, alle quali dobbiamo dare solo felicità», ha continuato. Inoltre, S. S. spiega perché si è servito di un manifesto per chiedere perdono affermando che «quando un uomo sbaglia deve saper chiedere perdono, dimostrare con i fatti AMORE, RISPETTO e ATTENZIONE, ed essere un punto di riferimento per i suoi cari». Il marito ha quindi aggiunto: «Ho la fortuna di aver ricevuto il dono di DIO per averci uniti e fatti divenire un’anima sola!». In conclusione, la richiesta di perdono: «Certo che in amore vince chi resta, chi ha il coraggio, nonostante le tempeste e le maree, di restare e combattere. Credo nelle rotte sbagliate, negli errori di percorsi, ma soprattutto in quei cuori che sanno ascoltare e infine sanno perdonare».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#