Sala Consilina (SA): sei arresti in due distinte operazioni. I carabinieri bloccano sei ladri di nazionalità rumena.

Brillante operazione condotta dalla compagnia carabinieri di Sala Consilina. Sei arresti portati a termine in due distinte operazioni. Nel tardo pomeriggio di ieri, infatti, a Caggiano i militari della locale stazione in collaborazione con quelli del NORM della compagnia di Sala Consilina, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato quattro cittadini rumeni: Matei Marian Nelu, classe 1992, Alexandru Florin, classe 1985, Ionescu Ionut Sancar, classe 1991, Iancu Sorin, classe 1987, tutti pregiudicati e residenti a Napoli e nell’hinterland poiché ritenuti responsabili in concorso di furto aggravato. Dopo un servizio di appostamento, i militari dell’Ama, unitamente al personale specializzato della provincia di Salerno, avevano notato la scorsa notte, ignoti intenti ad asportare  circa un chilometro di cavi elettrici di rame per l’illuminazione interna della galleria denominata “D’Ambrosio” , sita lungo s.p. 442 Isca-Pantanelle che, a causa di ciò, era rimasta al buio. Nelle stesse ore i militari hanno notato la presenza dei quattro in un bosco, limitrofo alla galleria. Bloccati e sottoposti a perquisizione veicolare, nel cofano dell’autovettura su cui viaggiavano i quattro ladri, sono stati rinvenuti numerosi fili di rame e  arnesi per il trancio (tronchesi e asce) di cavi elettrici. Materiale asportato dall’impianto di illuminazione della galleria. Danno quantificato superiore a 60.000,00 euro. Gli arnesi, il materiale e l’autovettura sono stati sequestrati. Questa notte, invece a Teggiano, i militari della locale Stazione Carabinieri in collaborazione con i carabinieri del NORM della compagnia di Sala Consilina, hanno  tratto in arresto, in flagranza di reato altri due cittadini rumeni: Fundelet Constantinalin, classe 1989, Georgescu Adrian Mihaita, classe 1991,  entrambi di Napoli sempre per furto aggravato.  I due notati da alcuni residenti del posto, sono stati bloccati nelle vicinanze di un capannone, a bordo di Fiat Iveco 59. A seguito di perquisizione veicolare, il mezzo risultava carico di 30 (trenta) quintali di rubinetteria e materiale termoidraulico, per un valore di circa 40.000,00 euro, non coperto da assicurazione, illecitamente asportati dai magazzini di una società del posto. Anche il mezzo è risultato essere oggetto di furto e di proprietà di una società di Teggiano. Gli arrestati, dopo le formalità , sono stati tradotti presso la casa circondariale di Sala Consilina a disposizione della Procura Della Repubblica.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#