Salerno: avanza l’inchiesta della Procura sul Crescent.

Si allarga a macchia d’olio l’inchiesta della Procura sul Crescent e piazza della Libertà. Ieri nuova “visita” della Guardia di Finanza negli uffici di Palazzo di Città per notificare avvisi a funzionari e dirigenti. I filoni di indagine sono quattro e vanno dalla perizia di stima dell’intervento del Fronte del Mare alla variante che fece lievitare i costi per sopravvenuto rischio idrogeologico. Ma i fari sono puntati anche sul Pua e sui diritti edificatori dell’area di Santa Teresa: sei le delibere della giunta comunale (anni 2007-2010) che la Procura sta approfondendo.  Emessi tre avvisi di garanzia per altrettanti dirigenti comunali dell’Ente di Via Roma stando a quanto riportato questa mattina dai quotidiani in edicola. Ai tre sarebbe contestata la variante al Crescent e le procedure iniziali per l’opera, prima dell’apertura del cantiere. Le delibere su cui si appuntano i sospetti della magistratura vanno dal 2007 al 2010. Ora i pm vogliono sentire il sindaco De Luca e i due assessori che le firmarono. Tra i reati ipotizzati dagli inquirenti l’abuso d’ufficio e la falsità ideologica in atti pubblici. Fissati per lunedì 22 gli interrogatori.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#