Tribunale di Sala Consilina (SA): il Consigliere Regionale del Pd Donato Pica interviene contro la sua chiusura.

Il Consigliere Regionale del Pd, Donato Pica,  dopo il sopralluogo della Commissione di Manutenzione, non concordato con le autorità locali,  interviene, in maniera dura, contro la soppressione del tribunale di Sala Consilina . “Siamo di fronte – afferma Donato Pica – ad un pasticcio senza precedenti che avrà conseguenze estremamente dannose. Più si va avanti nella fase attuativa del decreto 155, più aumentano le incongruenze e i profili disastrosi in termini di perdita di efficienza del sistema e in termini economici. È  inconcepibile che il Tribunale Salese  possa essere accorpato ad un Tribunale di dimensioni minori,come quello di Lagonegro, situato non solo in un’altra provincia, ma addirittura in un’altra regione e in un differente distretto di  Corte d’Appello. Un intero territorio,da Salerno a Lagonegro, non sarà più servito da alcuna Procura della Repubblica  e  verranno  meno, in un attimo, gli effetti dissuasivi che la presenza di una struttura giudiziaria, radicata nel territorio, ha sempre determinato, con conseguenze deleterie sul piano della sicurezza sociale e della lotta alla criminalità. Lo stato, attraverso questo provvedimento, delegittima se stesso e togliendo ai cittadini un diritto, costituzionalmente garantito,  non  fa altro che creare un solco, ancora più netto, con le istituzioni.  Una giustizia chiara e veloce è  uno dei presupposti fondamentali per lo sviluppo imprenditoriale e turistico del nostro territorio.  Negli ultimi mesi – continua Pica –  ho prodotto tutta una serie di atti e di iniziative per scongiurare la chiusura dell’importante presidio giudiziario. Ho presentato una proposta di legge in consiglio regionale, oggi all’esame della I commissione, e, attraverso un accorato appello, l’ho trasmessa   a tutti i parlamentari salernitani invitandoli a  portarla  all’esame delle camere. La strada del parlamento rappresenta la strada maestra ma le incertezze dell’intera classe politica   iniziano a stancare. Si può e si  deve porre  rimedio ad una palese ingiustizia, perpetrata ai danni dei cittadini Valdianesi.  La mia proposta di legge, che  contiene al suo interno la proroga dell’entrata in vigore del decreto legislativo 155 del 2012 e la modifica dei criteri di revisione della geografia giudiziaria, è a disposizione di tutte le forze politiche e  può essere presentata e discussa in tempi rapidi.  Per quanto mi riguarda – conclude – denuncerò ritardi ed omissioni, anche da parte del mio Partito”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#