Campania: indagine di Legambiente sulla depurazione.

Legambiente Campania ha reso noti i dati di un’analisi, secondo la quale sei depuratori su dieci presenti in Campania non risultano conformi. Maglia nera alla provincia di Caserta con il 70 % dei controlli che hanno dato esito negativo. Alla provincia di Napoli va il 38 %, mentre alla provincia di Salerno il 57 %. L’indagine compiuta da Legambiente riprende gli ultimi dati resi disponibili dall’ARPAC nel 2011. L’associazione ambientalista ha rilevato quanto sia inadeguato il sistema depurativo in Campania. E  ancor più sorprende il fatto che la Regione non consideri importanti i controlli, punto di partenza fondamentale per lo sviluppo di politiche ambientali. L’analisi condotta mette in evidenza lo stato di profonda crisi nel quale la stessa Agenzia regionale si trova, con l’impossibilità di svolgere le attività richieste dalla legge e non rappresentata sufficientemente come personale. A detta di Buonomo e Chiavazzo di Legambiente, la Regione si starebbe preparando a intervenire con i cosiddetti Grandi Progetti a valere sui Fondi comunitari, che porterebbero vantaggi a favore del mare. “La preoccupazione – sostengono – è che siano destinati ad avere esiti analoghi ai quei tanti interventi realizzati in passato che in mancanza di un adeguata pianificazione e organizzazione della amministrazione e della gestione a monte risultano lontani dalla visione di insieme necessaria a consentirne l’adeguato funzionamento.”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#