San Pietro al Tanagro (SA): dichiarata improcedibile la seduta del consiglio comunale.

“La seduta di Consiglio Comunale del 23.05.2013 presso il Comune di San Pietro al Tanagro, sollecitata dai gruppi di minoranza  è stata dichiarata improcedibile dal Presidente del Consiglio, Pietro Franco, per assenza di proposte deliberative prodotte dagli stessi gruppi consiliari che ne avevano chiesto la convocazione.” “Il Sindaco, Domenico Quaranta – si legge in un comunicato stampa – associandosi a quanto rilevato in sede di apertura del Consiglio, regolarmente insediatosi con ben sette consiglieri di maggioranza presenti, ha tra le altre cose, evidenziato che, pur essendo gli argomenti di interesse della collettività ( imposte e tasse, Comunità Montana Vallo di Diano e Consorzio Bacino Sa 3), anche volendo essere meno zelanti dei gruppi consiliari di minoranza che nella precedente seduta hanno rilevato l’incompletezza di documentazione in una proposta di delibera consiliare ad iniziativa del gruppo di maggioranza  per l’assenza di una mappa catastale che a loro dire “comprometteva una piena decisione da adottare”, si è reso impossibile procedere a “discutere del nulla” non essendo stata capace la minoranza di produrre neanche uno stralcio di proposta deliberativa su cui interloquire e deliberare. “Giacchè l’art. 19 del regolamento consiliare – termina il comunicato –  impedisce la discussione se non vi è alcuna proposta deliberativa, il Sindaco, costernato e scusandosi a nome di Giannino Graziano & c. con i consiglieri di maggioranza scomodati per nulla, ha subito invitato il Presidente a dichiarare la seduta definitivamente chiusa ed ha invitato il Consigliere Romano che cercava “imbarazzato” ed impietrito di proseguire nella discussione di intrattenersi in piazza o altro luogo a fare chiacchiere.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *