Sassano (SA) : notte di furti, rubati due cani da addestramento gregge e un mezzo agricolo.

Continua senza sosta l’escalation di furti nel Vallo di Diano ai danni di allevatori agricoli. L’ultimo in ordine di tempo, si è verificato nella notte di venerdì a Sassano. A farne le spese un allevatore del posto proprietario di un’azienda ubicata in località via Zio Nino. Ignoti entrati in azione nel corso della notte, si sono impossessati di due cani da addestramento per gestione e conduzione di gregge, che si trovavano in una recinzione adiacente l’azienda. I vicini hanno sentito le bestiole abbaiare per un po’ di tempo senza però farci caso e allarmarsi. A fare l’amara scoperta è stato, invece, il proprietario dell’impresa, che come ogni mattina si recava in località Zio Nino per portare il suo gregge al pascolo. Ma arrivato sul posto ha trovato il recinto rotto e le ciotole rovesciate. Sull’episodio è stata sporta regolare denuncia ai carabinieri della locale Stazione, che stanno accertando il caso. Sembra difficile da credere, ma anche i cani sono vittime di furto e di veri e propri sequestri. Sconcerto tra i vicini e molti i commenti fatti che portano a pensare alle più disparate motivazioni e che spesso hanno a che vedere con il mercato nero: dalla rivendita alle lotte clandestine, passando per la richiesta di riscatto quando si tratta di un cucciolo di una famiglia facoltosa. Insomma, le vie del crimine non hanno alcun fondo cieco e arrivano addirittura a colpire il mondo degli animali. Sempre a Sassano e nella stessa notte di venerdì si è registrato un altro furto in località via Vigne, “i topi d’appartamento” hanno trafugato questa volta da una cascina un trattore agricolo. L’ennesimo furto, un problema questo che sta diventando una piaga, non solo per il territorio sassanese, ma per tutto il Vallo di Diano. Furti che vengono compiuti non solo nelle ore notturne, in presenza dei proprietari che dormono, ma anche di giorno. Probabilmente queste persone agiscono dopo giorni di appostamenti, arrivano a conoscere perfettamente le abitudini delle vittime per poi colpire.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#