Teggiano (SA): l’avio pista non decolla. Intanto il Comune cita in giudizio la Provincia di Salerno.

Il progetto dell’aviosuperfice a  Teggiano sembra davvero non riuscire a decollare. Dopo l’approdo  davanti ai giudici del Consiglio di Stato, della vicenda relativa alla legittimità dei lavori per la realizzazione dell’aviosuperficie, la Regione Campania, infatti, agli inizi di maggio aveva  notificato il ricorso in appello contro la sentenza del Tar della Campania che il 30 luglio dello scorso anno aveva sancito la legittimità dei lavori in località Barca, a pochi chilometri dal confine con il comune di Sala Consilina, anche il Comune di Teggiano nero su bianco scrive un’altra pagina sulla vicenda. Con una delibera  di giunta pubblicata sull’albo pretorio on line del Comune, lo scorso 29 maggio il Comune guidato da Michel Di Candia cita, nuovamente in giudizio, come è avvenuto per il caso dell’impianto semaforico in Località Macchiaroli, la Provincia di Salerno. In pratica, la realizzazione dell’opera ha un costo di circa 2 mln e 800 mila euro.  La Regione Campania contribuisce alla realizzazione  con 1 mln e 907 mila euro, il Comune di Teggiano, con circa 333 mila euro e la Provincia con circa 550 mila euro divisi in tre rate. “ Ad oggi, si legge nella delibera,  non è stato dato riscontro alla richiesta della seconda rata di acconto, nonostante i ripetuti solleciti. Questo Ente ha anticipato con propri fondi la quota parte a carico della Provincia, al fine di equilibrare la ripartizione delle spese sostenute, poiché, si legge ancora,  la mancata erogazione comporterà la non prosecuzione dell’opera nel rispetto degli indicatori e dei termini stabiliti dal finanziamento comunitario, con il rischio reale di revoca dello stesso”. E così il Comune di Teggiano nuovamente si affida alla giustizia per far rispettare i patti  e finalmente, forse, prendere il volo. !!!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *