Tribunale di Sala Consilina: cittadini ed amministratori si schierano con il sindaco Ferrari a difesa del presidio di giustizia.

Sala Consilina – Il gesto “forte” del sindaco Ferrari che ieri ha restituito al Presidente della   Repubblica Giorgio Napolitano la sua fot che ormai da quasi otto anni si trova nell’aula consiliare del Comune ha suscitato numerose reazioni da parte di sindaci, amministratori e cittadini del Vallo di Diano. Tutti, nessuno escluso, si sono schierati con il primo cittadino salese. Particolarmente dure sono state le parole del sindaco di Sassano Tommaso Pellegrino “Il presidente della Repubblica – ha dichiarato Pellegrino – è il Presidente di tutto il paese, anche di zone che non sono centrali ma dove vivono delle persone e delle famiglie che dovrebbero avere gli stessi diritti di chi vive in centri più importanti. Il garante di tutto ciò dovrebbe essere proprio il Presidente della Repubblica. Non si può non si può parlare di “localismi” quando un intero territorio fa una battaglia giusta dopo aver già subito negli anni una serie di saccheggi. Napolitano deve dirci se lui è il Presidente solo dei grandi centri o anche del nostro territorio che tra l’altro conosce molto bene visto che quando era senatore ha avuto modo di visitarlo. Ho il massimo rispetto per Napolitano ma la sua presa di posizione contro una possibile revisione della riforma della geografia giudiziaria è stata una grande caduta di stile. Non può liquidare le battaglie della nostra gente come meri “localismi”. Sentirci abbandonati anche dalla più alta carica dello stato per noi è lo schiaffo più grande che abbiamo potuto subire. Bene ha fatto Ferrari a fare questo gesto che capisco e condivido”. Sulla vicenda è intervenuto anche Angelo Paladino, consigliere comunale di opposizione a Sala Consilina. “Era ora – ha dichiarato – che anche il sindaco prendesse una posizione forte nei confronti di Napolitano. Io nei mesi scorsi ben due volte ho inviato al Presidente della Repubblica delle lettere durissime di critica perchè se Sala perderà il tribunale uno dei principali responsabili è proprio lui”. La notizia delle “restituzione” della foto si è diffusa a macchia d’olio anche su Facebook dove tantissimi cittadini hanno espresso il loro apprezzamento per il gesto del sindaco Ferrari e molti hanno invitato gli altri sindaci del comprensorio a fare altrettanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#