Campania: quattro arrestati e venti indagati per furto di medicinali ai danni dal Servizio Sanitario.

Quattro persone, tra cui un infermiere dell’ospedale Pascale di Napoli, sono finite agli arresti domiciliari con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione. La merce commercializzata illegalmente e immessa su un mercato parallelo comprendeva farmaci costosi, provenienti per la maggior parte da furti commessi in strutture sanitarie pubbliche. Il danno accertato, nel periodo settembre 2010-gennaio 2011, è di circa 30mila euro. Complessivamente nell’inchiesta, condotta dai carabinieri del Nas coordinati dalla Procura della Repubblica di Napoli, sono indagate venti persone. I farmaci, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, venivano piazzati in Campania (nelle province di Napoli, Salerno e Caserta) ma anche in altre regioni. Per la maggior parte dei casi si tratta di confezioni di medicinali a base di eritropoietina; una specialità che viene somministrata a pazienti affetti da carenza di emoglobina.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *