Regione Campania: aree protette, sbloccati interventi ambientali per circa 21 milioni di euro.

Buone notizie per le aree protette della Regione Campania, per le quali con la traslazione di risorse sul Por Fesr 2007/2013, la Regione, come previsto dalla vecchia programmazione, ha stanziato 20milioni e 941 mila euro. Un bel po’ di soldi che consentiranno, come ha spiegato l’Assessore all’Ambiente della Regione Campania, Giovanni Romano, “sia il completamento di  40 opere di alto valore ambientale in numerosi comuni campani che  i pagamenti necessari a saldare altri 97 interventi ultimati dagli enti parco e dalle amministrazioni comunali. Sblocchiamo in questo modo – ha continuato Romano,  risorse  necessarie a  migliorare l’accessibilità dei Parchi e delle altre aree protette, attraverso la riqualificazione dell’ambiente naturale, il potenziamento delle filiere economiche ed il miglioramento dei servizi per cittadini e visitatori”. Il provvedimento approvato permetterà sia di risarcire quegli enti che, pur di ultimare i  progetti, hanno anticipato le somme necessarie alla loro ultimazione sia di completare quelle opere che, invece, erano rimaste in sospeso. “Si tratta, di interventi, ha aggiunto l’Assessore Regionale,  di alto valore ambientale e di riqualificazione del territorio”. Tra questi figurano, tra gli altri,  la valorizzazione dell’area archeologica di Laureti a Caselle in Pittari, il recupero dell’antica Ferriera e dell’antico mulino lungo il Bussento, la valorizzazione dell’ingresso al centro storico di Centola-Palinuro, il recupero del borgo del Convento dei Domenicani di Ottati, ma anche azioni necessarie a garantire poi la salvaguardia del territorio come la realizzazione del Centro di Polizia forestale nel Parco Nazionale del Cilento e del Vallo Di Diano e il Centro studi e ricerche sulla biodiversità.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *