Avellino: autobus cade da un viadotto sull’A16. 38 morti e 10 superstiti.

E’ una vera e propria strage quella avvenuta nella tarda serata di ieri, sull’A16 Napoli-Bari, nell’Avellinese. Un autobus con a bordo 48 persone, tra cui anche dei bambini, di ritorno da Telese Terme e diretto verso il napoletano, è precipitato da un altezza di circa 30 metri,  dopo aver  travolto una quindicina di auto incolonnate sull’arteria. E’ davvero triste il bilancio di uno degli incidenti più gravi che vede coinvolto un autobus. Sono 38 i morti ed 10  i superstiti, tutti feriti. Tre dei bambini coinvolti nel tragico incidente sono ricoverati nell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli. Si tratta di due maschie ed una femmina. Uno dei due maschi è in rianimazione, l’altro è ricoverato in chirurgia d’urgenza, mentre la piccola è nel reparto di neurochirurgia, dove stanotte è stata sottoposta a un intervento chirurgico. Si conoscevano tutti ed anche molto bene, i passeggeri dell’autobus noleggiato presso una ditta napoletana. La camera ardente è stata  allestita nella scuola di Monteforte Irpino, sempre nell’avellinese, ed è qui, che i familiari hanno riconosciuto i loro cari. Intanto la Procura di Avellino ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo. Gli accertamenti giudiziari saranno finalizzati a far luce non solo su eventuali responsabilità dell’autista, che è morto nell’incidente, ma anche sulle condizioni tecniche dell’autobus. Inoltre, sarà verificato il corretto segnalamento dei cantieri autostradali presenti nella zona. L’inchiesta potrà poi riguardare anche la qualità tecnica della barriera di protezione che è stata abbattuta dall’autobus. Sequestrata la documentazione e a bordo del mezzo di trasporto, compresa la registrazione del cronotachigrafo. Lo ha riferito la polizia stradale di Avellino intervenuta sul posto aggiungendo che sono state sequestrate anche le autovetture coinvolte nel tragico incidente. Il Presidente del Consiglio,  Enrico Letta, ha annullato questa mattina una visita privata all’acropoli di Atene in segno di lutto per la tragedia stradale . “ È un giorno molto triste per quanto accaduto ieri notte. Non ci sono parole”. Così il premier ha aperto oggi il suo intervento a un seminario sull’Europa ad Atene. Un minuto di silenzio è stato osservato dai partecipanti in memoria delle vittime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#