Sanità: Caldoro cerca di sbloccare 500 milioni di cassa delle Asl.

Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, è al lavoro per trovare una soluzione al blocco di 550 milioni, la cassa delle Asl, messo in atto come ”azione di tutela dal Banco di Napoli, che è il principale tesoriere”. Il blocco è l’effetto della sentenza della Corte Costituzionale, dello scorso 3 luglio, che dichiara illegittima la legge sull’impignorabilità dei beni delle Asl e delle Aziende ospedaliere. ”Dobbiamo trovare il modo per evitare una situazione di ‘non controllo’ dei flussi di cassa – ha affermato – Avevamo regolarizzato i pagamenti della sanità, arrivando a 60 giorni sui pagamenti correnti e rimettendo totalmente in ordine i conti. Ora siamo punto e a capo”. ”Dobbiamo trovare il modo di recuperare questi 550 milioni bloccati senza fare ricorso a una cassa in più – ha spiegato – ma a fondi già destinati alla Campania con il decreto legge 35 che prevede 530 milioni per il primo anno e 1 miliardo per il secondo”. Fondi che, ha ricordato Caldoro, erano destinati al pagamento del cronologico. Il decreto in questione, ha fatto sapere il governatore, consente di poter utilizzare queste risorse anche per il piano pagamenti. ”Abbiamo dovuto compensare così sui titoli esecutivi – ha aggiunto – e questa cassa servirà, se non si generano ulteriori liti, ad allentare la stretta bancaria sulla cassa ordinaria bloccata”. Inoltre ”tutto quello che ora eroghiamo non può essere messo nelle casse attualmente bloccate, ma dobbiamo trovare una nuova cassa, probabilmente Soresa, per erogare queste nuove risorse”. ”E’ una cosa che ci farà perdere tempo – ha concluso – Sarà una cosa complicata”.

Fonte: Ansa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#