Salerno: Crescent, nuovo avviso di garanzia, indagata tutta la giunta De Luca

Quando, nel 2010, è stato presentato al pubblico il progetto del Crescent, in piazza della Libertà, il sindaco De Luca dichiarò che sarebbe stata “un’opera meravigliosa”. Sono passati tre anni e da allora, dopo una serie di denunce di Italia Nostra e del comitato No Crescent, sull’“opera meravigliosa”, un mastodontico edificio lungo 300 metri e alto 28 davanti la spiaggia di Santa Teresa, si sono aperti due filoni di indagine che vedono proprio il sindaco e viceministro alle infrastrutture De Luca, il principale indagato. Nell’ultimo filone aperto, i Pm Valenti e Alfano hanno iscritto nel registro degli indagati oltre al sindaco De Luca, tutta la giunta comunale in carica nel 2007-2008  (vicensindaco Eva Avossa, gli assessori in carica Gerardo Calabrese, Luca Cascone, Mimmo De Maio, Ermanno Guerra, Enzo Maraio e Franco Picarone; e gli ex membri di giunta Nello Fiore, Augusto De Pascale e Luciano Conforti). Al sindaco e ai suoi assessori, a cui è stato notificato un avviso di garanzia, i reati contestati sono di concorso tra persone e abuso d’ufficio per l’approvazione delle delibere 1565 del 2007 e 803 del 2008 “in violazione delle norme regolamentari e di legge” nonché delle “norme tecniche di attuazione del Puc (piano urbanistico comunale) e Ruec (regolamento edilizio comunale) di Salerno”. Un avviso di garanzia è stato consegnato anche all’imprenditore edile Eugenio Rainone, titolare della società “Crescent srl” che sta realizzando una parte importante dell’opera. All’imprenditore viene contestato — in qualità di legale rappresentante della Crescent srl — l’avvio “dei lavori finalizzati alla realizzazione dell’edificio” in “sostanziale assenza del permesso di costruire, attesa l’illegittimità dei permessi” rilasciati dal Comune. I magistrati hanno infine richiesto al gip Donatella Mancini la proroga del termine per le indagini preliminari al 6 febbraio 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *