Sant’Arsenio (SA): Tribunale di Sala Consilina, Nicola Pica chiede le dimissioni dei parlamentari eletti dal Vallo di Diano e di Caldoro.

Il Sindaco di Sant’Arsenio Nicola Pica, interviene in merito alla chiusura del Tribunale di Sala Consilina, ribadendo la gravità della perdita del presidio di giustizia,  soprattutto per i cittadini del Vallo di Diano e dei territori limitrofi ed  il conseguente gravoso accesso alla giustizia, a causa delle estensioni territoriali e delle difficili condizioni logistiche ed infrastrutturali della nuova sede di Lagonegro. “Il Tribunale di Lagonegro, inoltre, sottolinea il Sindaco Nicola Pica,  è un edificio, non adeguato  alle esigenze di sicurezza antisismiche e privo delle richieste autorizzazioni, con locali completamente inadatti ad accogliere il nostro Tribunale di Sala Consilina”. “Non solo i cittadini, continua Pica, sono stati destinati ad essere depredati di un presidio di giustizia, simbolo della lotta a tutte quelle forme di criminalità, che cominciano a volgere la loro attenzione anche verso il nostro territorio, ma sono stati, ancora  una volta, traditi da tutti quei parlamentari, che nel momento del bisogno non hanno desistito a venire nel Vallo di Diano a fare incetta di voti”. “A loro, continua il primo cittadino, mi rivolgo. Chiedo loro di dimettersi subito, poiché hanno tradito le aspettative e si sono resi sordi alle richieste di aiuto dei cittadini e dei Sindaci del Vallo di Diano”.  Ma il Sindaco Nicola Pica, si rivolge anche al Governatore Campano, Stefano Caldoro, chiedendo anche a lui di dimettersi. “Presidente Caldoro, si dimetta. È riuscito facilmente a farsi strappare una parte importante della Regione Campania: il Vallo di Diano”. Con il trasferimento del Tribunale, conclude il Sindaco Nicola Pica, purtroppo se ne va anche buona parte del nostro territorio”.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. vito ha detto:

    Concordo pienamente, non riesco ancora a rendermi conto come possano essere presi provvedimenti del genere privi di ogni valida giustificazione che non comporta assolutamente un risparmio per le casse dello Stato, anzi le aggrava. Staremo a vedere…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#