Doping: controlli in palestre anche nel salernitano. Eseguite sette ordinanze di custodia cautelare.

Scovata e smantellata dai Nas di Cosenza, un’organizzazione suddivisa in cellule dislocate in varie regioni del Sud Italia costituita da titolari di palestre, preparatori ed atleti di body building, che truffava il Servizio sanitario nazionale e commerciava illecitamente ormoni della crescita tra cultori del body building agonistico ed amatoriale usando ricette rubate. I militari hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare in carcere e due ai domiciliari in provincia di Cosenza. Sono stati eseguiti anche cinque divieti di dimora nelle provincie di Cosenza, Foggia e Napoli, due obblighi di dimora nella province di Messina e Napoli e 80 perquisizioni, anche a carico di persone non indagate, nelle provincie di Avellino, Bari, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Foggia, Isernia, Latina, Messina, Napoli, Reggio Calabria, Roma, Salerno e Taranto. L’indagine dei Nas è partita  nel 2011. La truffa avvenuta nel triennio  2011-13,  ha avuto un ammontare di circa un milione di euro.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *