Salerno: ieri la cerimonia della 63esima edizione della giornata nazionale dell’ANMIL.

Salerno. Il lavoro nasce dai sogni non lasciamo che diventi un incubo. È stato questo lo slogan della giornata 63esima giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, che ieri ha avuto luogo in tutta Italia e anche a Salerno. Sono 744mila i casi nazionali, in Campania sono stati ben 20.027 gli infortuni sul lavoro registrati nel 2012, di cui 5mila verificatisi in provincia di Salerno. Tra questi, 52 mortali in Campania (17 nel Salernitano). I dati, elaborati dall’ Inail, sono stati resi noti al Salone dei Marmi di Palazzo di Città, dal presidente dell’Anmil di Salerno, Fiore Prosapio. Dopo aver omaggiato la lapide ai caduti del lavoro delle scuole elementari “Barra”, i partecipanti hanno preso parte alla funzione religiosa celebrata nella chiesa di Santa Lucia, per poi sfilare in corteo fino al Comune, dove sono stati consegnati 21 brevetti distintivi d’onore ai lavoratori rimasti vittime di infortuni nell’ultimo anno, nonché alle loro mogli rimaste vedove. Alla cerimonia erano presenti diverse delegazioni dei comuni della provincia di salerno. Per il vallo di diano, come accade orami da venti anni, il comune di Polla ha partecipato anche quest’anno con il consigliere di maggioranza Graziano Vocca. Presente anche il consigliere regionale Donato Pica, che insieme agli altri relatori ha analizzato i numeri e le statistiche degli infortuni sul lavoro.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#