Sala Consilina (SA): dopo il tribunale, a rischio chiusura anche il carcere.

Dopo l’accorpamento del tribunale a quello di Lagonegro, Sala Consilina rischia di perdere anche il carcere. Data proprio la soppressione degli uffici giudiziari, il Governo nazionale sarebbe intenzionato a chiudere anche la casa circondariale del comune capofila del Vallo di Diano. Eppure, meno di un anno fa, la struttura era stata segnalata dal Ministero di Giustizia per essere potenziata. Ora, riducendosi il personale penitenziario, in assenza della sede del tribunale di Sala Consilina, i detenuti debbono presenziare alle udienze a Lagonegro. Un destino che toccherà anche ai carabinieri che svolgevano funzioni di polizia giudiziaria presso gli uffici salesi e che saranno spediti nel centro della Basilicata o altrove per altri compiti, ma non nel Vallo di Diano. Ed ecco quindi che si assiste, come denunciato più volte dai sindaci, dagli avvocati e dai rappresentanti della comunità locale, all’impoverimento degli organici delle forze dell’ordine stazionanti sul territorio del Vallo di Diano. C’era una volta il tribunale di Sala Consilina a fungere oltre che da presidio di legalità anche da strumento di prevenzione, ora con il trasferimento delle forze dell’ordine del carcere salese, la sicurezza dei cittadini sarà ancora più a rischio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *