Salerno: la Procura sequestra il Crescent. Indagati De Luca, assessori ed amministratori.

Trenta avvisi di garanzia, il primo al sindaco Vincenzo De Luca per i reati di abuso d’ufficio e falso in atto pubblico e sequestro preventivo del Crescent da parte della Procura della Repubblica di Salerno. Questa mattina la notifica dei provvedimenti da parte delle forze dell’ordine. Un elenco molto lungo, che comprende sia tutti i componenti della giunta che nel 2008 approvò l’autorizzazione paesaggistica che i vecchi e nuovi responsabili del procedimento amministrativo. Avviso di garanzia anche per  il Soprintendente Giuseppe Zampino, due dipendenti della Soprintendenza, oltre all’amministratore unico della società «Sviluppo immobiliare Santa Teresa»,  e all’amministratore della società Crescent srl. “Gli amministratori e i funzionari pubblici» avrebbero «consapevolmente e volontariamente» violato le procedure amministrative «sia per accelerare i tempi di realizzazione dell’opera, sia per  contenere i costi per i privati appaltatori». Su questa base, i magistrati Rocco Alfano e Guglielmo Valenti hanno chiesto, ed ottenuto dal gip Donatella Mancini, il sequestro del Crescent. Contestata soprattutto l’autorizzazione paesaggistica che, per i pm, non poteva essere garantita per la costruzione dell’opera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#