Legambiente: dossier sui reati ambientali, nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano aumento degli illeciti.

Negli ultimi tre anni 11.799 illeciti amministrativi con un aumento dal 2010 del 75,28%. Incremento anche per i reati ambientali: sono ben 5349 negli ultimi 3 anni con un incremento del 32,18%. Legambiente: “Trasparenza, legalità e partecipazione per promuovere la bellezza e la Green economy dei parchi”. Illegalità ambientale, inadeguata trasparenza e scarsa partecipazione, lentezze amministrative non risparmiano neanche le aree protette italiane. Legambiente fotografa i reati ambientali nei parchi Nazionali presentando una prima sintesi di una ricerca nell’Ambito dell’Accordo quadro per Biodiversità e aree protette, infrastrutture verdi per lo sviluppo della Green economy stipulata tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Federparchi. Il dossier è stato presentato oggi ad Ottaviano nell’ambito di un convegno promosso da Legambiente e Parco Nazionale del Vesuvio. La ricerca analizza i dati del Corpo Forestale dello Stato nel triennio 2010-2012 con riferimento all’illegalità ambientale distinguendo tra illeciti amministrativi e i reati ambientali, questi ultimi con riferimento a quelli rilevati contro ignoti e contro persone identificate. Per quanto riguarda – denuncia Legambiente- i dati sui reati ambientali commessi all’interno dei parchi nazionali italiani nel triennio 2010-2012 forniti dai Coordinamenti Territoriali per l’Ambiente del Corpo forestale dello Stato, consentono di sviluppare una fotografia sufficientemente corretta, sebbene parziale, del fenomeno della criminalità ambientale nelle aree protette italiane. In quest’ambito nel triennio 2010-2012 si è registrato un aumento del 32,18% dei reati ambientali registrati nei parchi nazionali per un totale nei tre anni di 5349 reati ambientali. In termini di interventi reali è interessante rilevare nel corso dell’intero triennio l’alto numero di interventi effettuati nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano con 295 reati ambientali riscontrati nel 2010, 389 nel 2011 e ben 423 nel 2012, con un aumento nel triennio del 43,38%. Per quanto riguarda, invece, gli illeciti amministrativi rilevati nel solo 2010 risultano ben 2.601, mentre aumentano vorticosamente a 4.619 nell’anno 2011 e a 4.559 nell’anno 2012, raggiungendo la somma totale di 11.779 illeciti amministrativi compiuti nel triennio considerato, con un aumento in termini percentuali del 75,28%. a testimonianza della pervasività e resistenza del fenomeno alle azioni repressive messe in atto. Un maggiore impegno su questo fronte, una capacità di intelligence e intervento più raffinata e moderna e un quadro normativo meglio definito risultano indispensabili per un contrasto reale del fenomeno.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *