Roscigno (SA): la Regione si “dimentica” della SP 342.

La Regione Campania ignora la grave situazione in cui si trova la SP 342 che collega il comune di Roscigno con il Vallo di Diano e gli Alburni. Alla denuncia fatta qualche giorno fa attraverso una lettera aperta a firma di Michele Albanese, direttore generale della Banca Monte Pruno di Roscigno si è aggiunta ieri una una nota indirizzata all’assessore regionale ai lavori Pubblici Edoardo Cosenza, a firma del  consigliere regionale Donato Pica nella quale chiede uno stanziamento immediato di fondi per consentire la riapertura della strada.  “La Regione Campania – scrive Pica – sarebbe in procinto di trasferire alla Provincia di Salerno 15 milioni di euro per l’esecuzione di lavori di adeguamento e messa in sicurezza di vari tratti stradali del Cilento chiusi o dissestati. Poiché nell’elenco non risulta inserita la S.P.342, interessata da una paurosa frana di tre anni fa nel Comune di Roscigno, sottopongo alla Sua particolare attenzione la necessità di prevedere ulteriori ed immediati stanziamenti almeno per attenuare lo stato di isolamento e di abbandono di quel territorio”. Sulla vicenda è nuovamente intervenuto il direttore Albanese “La solidarietà e l’attenzione che tantissimi amici hanno dimostrato di avere nei confronti di un problema così importante per il territorio degli Alburni, – ha dichiarato Albanese – rappresenta un fatto sicuramente importante ma la mia paura è che, passata la prima ondata di condivisione emotiva, il tutto possa essere rimosso nei prossimi giorni, facendo ritornare la vicenda nell’oblio più totale. E purtroppo – conclude il Direttore Albanese – la percezione che si avverte non può che indurre al pessimismo. Spero di sbagliarmi, ma se così dovesse essere, coloro che hanno sulla coscienza le difficoltà oggettive che il nostro territorio registra, dovranno vergognarsi per questa indifferenza che si continua a mostrare verso le nostre piccole comunità che hanno l’unica colpa di non avere nessun Santo in paradiso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *