Processo Chernobyl: domani la prima udienza a Salerno. L’invito ai cittadini del Vallo di Diano a partecipare.

Quello di domani è un appuntamento importante per il Vallo di Diano, per i cittadini, per il futuro e la difesa di un territorio che negli ultimi anni ha subito privazioni ed invasioni velenose. Domani, è il 5 dicembre. Una data, da ricordare, poiché alle  9.30, al Tribunale di Salerno si terrà la prima udienza del processo Chernobyl. Una vicenda che vede imputate 39 persone per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti ambientali inerenti il traffico di rifiuti speciali, il danneggiamento aggravato, la gestione illecita di rifiuti inquinanti dispersi nell’ambiente, il disastro ambientale, falso e truffa aggravata ai danni di enti pubblici. Una data da ricordare e per chi può da segnare nella propria agenda come appuntamento al quale non poter mancare. L’inchiesta, che è stata condotta negli anni che vanno dal 2006 al 2009, dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha portato alla luce , tra le altre cose, sversamenti di rifiuti tossici che sarebbero stati effettuati in alcuni terreni agricoli dei comuni di Sant’Arsenio, in località Sanizzi, a  Teggiano  in località Buco Vecchio,  a San Pietro al Tanagro in località Tempa Cardone e a  San Rufo in località Via Larga. Una questione che riguarda da vicino tutti i cittadini del Vallo di Diano, che ormai da alcuni anni attendendo di conoscere la verità su una vicenda che da molti, troppi, è considerata un argomento tabù da non affrontare ed approfondire. L’appello delle associazioni attive in materia di difesa ambientale del nostro territorio è rivolto a tutti i cittadini del Vallo di Diano: partecipate, domani, alla prima udienza del Processo Chernobyl.

spot per la partecipazione popolare alludienza del processo chernobyl – tribunale di salerno – 5 dicembre 2013

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *