Regione Campania: approvato bilancio. Critico D.Pica

Il consiglio regionale della Campania con 31 voti favorevoli ha approvato il Bilancio di previsione della Regione Campania per l’anno finanziario 2014. Una manovra da circa 25  miliardi di euro, di cui circa 3 miliardi destinati alle attività istituzionali della Regione, oltre 11 miliardi per partite di giro ed anticipazioni e 10 miliardi per la Sanità. L’assessore regionale al Bilancio Gaetano Giancane ha parlato di un “documento dell’orgoglio” capace di coniugare stabilità finanziaria e rigore senza aumentare le imposte, ovvero le addizionali Irap e Irpef che avrebbero potuto portare al bilancio ulteriori entrate, ma che avrebbero depresso l’economia campana.”Un Bilancio che, ha detto a conclusione del suo intervento in aula Giancane, offre all’Italia i risultati concreti dell’impegno della Regione Campania”. Il presidente della giunta regionale della Campania, Stefano Caldoro, si è detto soddisfatto in quanto “non ci sono aumenti di tasse e per la prima volta abbiamo un bilancio in equilibrio”. Approvato con il solo voto della maggioranza il Bilancio della Regione Campania per il 2014. “Come al solito, in maniera ancora più evidente rispetto agli anni scorsi, l’Assemblea Legislativa viene mortificata nel suo ruolo fondamentale di programmazione e di indirizzo e si accettano, in un clima di rassegnazione, le decisioni assunte altrove ed in maniera autonoma”. Così in una nota il consigliere regionale del PD Donato Pica. E’ del tutto mancata – scrive Pica – la fase del confronto e della discussione con le forze sociali ed imprenditoriali, per cui abbiamo un documento di natura esclusivamente tecnica e di semplice assestamento di partite finanziarie che non affronta né risolve le vere emergenze della nostra Regione. Rimangono in piedi le problematiche di ieri e di oggi che affliggono il territorio campano, a partire dalla sanità per passare al discutibile utilizzo delle risorse europee.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#