Operazione “Nuceria”: si sono costituiti nel carcere di Sala Consilina, Giovanni Citarella, patron della Nocerina ed il fratello.

Giovanni Citarella, il patron della Nocerina, si e’ costituito nel primo pomeriggio nel carcere di Sala Consilina. Lo stesso ha fatto anche il fratello Christian, coinvolto nella stessa inchiesta e anche lui destinatario di un mandato di cattura. Citarella è accusato di associazione per delinquere finalizzata alla emissione di fatture false e al trasferimento fraudolento di valori, con la falsa intestazione di beni. Già in carcere, invece, il cognato Alfonso Faiella. I Citarella e Faiella avrebbero creato fondi neri tramite societa’ fittizie per il pagamento dei 66 calciatori della Nocerina negli anni tra il 2008 e il 2012 determinando una evasione dell’Iva di oltre 34 milioni di euro.Gli inquirenti stanno, adesso, catalizzando la propria attenzione sulla gestione dei conti correnti e sul ruolo che le banche hanno avuto rispetto all’uso degli assegni di 53 società fittizie intestate a prestanome, alcuni dei quali addirittura clochard. Determinanti sono state le dichiarazioni di un funzionario bancario, che si trova tra gli indagati nell’inchiesta della Procura, che ha confermato la tesi degli inquirenti: c’erano alcuni istituti di credito compiacenti che facilitavano le operazioni dei Citarella. E in una occasione una banca ha consentito il prelievo – in un solo giorno – di un milione e novencentomila euro in contanti.

Fonte corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#