Soppressione Tribunale di Sala Consilina: Sindaco e Assessori “È ora di dire basta”

La soppressione del Tribunale costituisce un’autentica sciagura per Sala Consilina. I cittadini del nostro comune e dell’intero Vallo di Diano hanno vissuto questa dolorosa vicenda come uno scippo. Tanti cittadini hanno voluto dare, senza altri fini, il proprio contributo per scongiurare l’esito al quale, purtroppo, siamo infine arrivati, e continuano a lottare nella speranza di ripristinare la situazione. Ma, duole ammetterlo, la cronaca di questi anni, insieme con la prova dell’impegno fattivo e genuino di tanti, ci lascia pure la consapevolezza che alla radice di certe sconfitte ci sia largamente anche un atteggiamento tutto orientato alla divisione, alla polemica, allo scontro, al vaniloquio e talvolta al turpiloquio, proprio e tipico di alcuni personaggi. Abbiamo dovuto avere a che fare, purtroppo, con un modo di agire e di operare finalizzato esclusivamente e strumentalmente alla tessitura dei propri, personali, disegni politici, tendenti ad una lunga campagna elettorale e ad improbabili resurrezioni politiche. Per costoro, quanto fatto dagli altri è sbagliato, fuori luogo, fuori tempo ed è solo nella loro capacità la soluzione di tutti i problemi. Peccato, però, che non ci siamo mai resi conto, perché era impossibile farlo, di essere circondati da geni di tale levatura, in possesso di formidabili capacità di azione e di guida politica. Un’Amministrazione ha il dovere di pensare agli interessi della collettività, cercando di trovare soluzioni adatte, per evitare ulteriori perdite nel nostro territorio. Le accuse contenute nell’ultima lettera aperta del Comitato Pro-Tribunale stravolgono la realtà  e travisano la verità dei fatti, per piegarla a una lettura assolutamente strumentale, tutta tesa a screditare l’azione degli Amministratori, che sono sempre gli unici a rischiare, sempre in prima persona. Con la delibera, alla quale si fa riferimento nella lettera, abbiamo soltanto evitato, a ragion veduta e nelle condizioni date e note a tutti, che il nostro Comune potesse rischiare di subire un’ulteriore  e  non riparabile perdita, quella della sede del Distretto, che ad oggi e per il futuro rimarrà negli attuali locali di via Gramsci. Speriamo tutti, come viene affermato, che la settimana prossima la commissione ministeriale e il Ministro ripristinino il Tribunale di Sala Consilina. Troveranno, come abbiamo sempre detto e dimostrato con i fatti, un’Amministrazione pronta a riempire di nuovo i locali, per dare al nostro territorio quei servizi di Giustizia che deve avere. Non troveranno certo i locali occupati dal Distretto Sanitario, perché gli uffici sanitari sono e rimarranno nella sede attualmente occupata di via Gramsci, grazie alla nostra delibera. Così pure le accuse rivolte per quell’insulso convegno di Sicignano degli Alburni non possono che far sorridere. A volte tacere fa più rumore che parlare inutilmente. Questo concetto a molti del comitato non è chiaro, ma per fortuna i cittadini di Sala Consilina e del Vallo di Diano sono ben avveduti e conoscono molto bene certi signori e sapranno ancora una volta scegliere tra chi veramente pensa al bene comune e chi per se stesso.

 

Sala Consilina, 20 gennaio 2014

Il Sindaco e gli Assessori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#