Rifiuti abbandonati: lo scempio. Nei terreni anche amianto. La denuncia

Uno scempio. E’ questo il termine appropriato per descrivere queste immagini del nostro servizio. L’ennesimo atto ignobile ai danni del nostro territorio. Rifiuti di ogni tipo, dai medicinali, ai sacchetti contenenti cenere e carboni, a contenitori di plastica. Persino un vaso di terracotta. Tutti rifiuti, depositati accanto a dei corsi d’acqua, in alcuni terreni del comune di San Pietro al Tanagro. Rifiuti, che tutti, ben sappiamo, grazie alla raccolta differenziata, vengono prelevati addirittura dinanzi alle nostre abitazioni dagli addetti comunali, senza doverci scomodare. Ebbene, c’è qualcuno, che invece si diverte a vedere il proprio paese ed i propri terreni,  deturpati dall’immondizia. Qui ci troviamo in località Mattinelle. Andando più avanti, sempre accanto ad un corso d’acqua, ritroviamo addirittura dei sedili di un’ automobile, scarpe, pezzi di amianto e pneumatici inglobati nel terreno. Eppure, nonostante la giornata uggiosa, basta guardarsi intorno per confermare ai nostri occhi la bellezze dei nostri territori. Naturalmente, il fenomeno non riguarda solo San Pietro al Tanagro, ma tanti altri comuni. Questo caso ci è stato segnalato dal proprietario di alcuni terreni adiacenti a queste mini discariche stanco di vedere giorno dopo giorno nuovi rifiuti . Lo ricordiamo, esistono delle sanzioni pecuniaria anche elevate per chi viene sorpreso a gettare i rifiuti nelle campagne o in siti non idonei. Sono le discariche comunali i siti dove far confluire i rifiuti, è la raccolta differenziata, un vanto per i nostri comuni, il miglior modo di liberarsi della spazzatura ed amara e rispettare il nostro Vallo di Diano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *