Potenza : sciopero davanti alla Prefettura dei dipendenti del termovalorizzatore di Melfi

Hanno scioperato davanti alla sede della Prefettura i dipendenti del termovalorizzatore Fenice di Melfi, in cig straordinaria chiesta dall’azienda che ha dichiarato lo stato di crisi. I dipendenti sono costretti a lavorare a ranghi ridotti e con personale sottodimensionato, con tutti i gravi rischi che ciò comporta per la sicurezza. Anche a Fenice non sono mancati gli incidenti gravi registratisi nelle ultime settimane. La situazione è peggiore di quanto possa apparire, poiché a causa del mancato rinnovo e quindi della mancata applicazione del contratto integrativo aziendale, i dipendenti sono costretti a lavorare in condizioni di sicurezza assolutamente inadeguate e perdendo economicamente fino a circa 700 euro al mese.
Sulla questione è intervenuta la Sel che chiede l’intervento istituzionale di Regione e Comune di Melfi per giungere ad una rapida soluzione della questione, anche attraverso la convocazione di azienda e parti sociali per costruire un tavolo in cui si possano trovare soluzioni alle gravi problematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *