Basilicata : crisi occupazionale, una possibile misura per rinnovare le amministrazioni

I dati sulla disoccupazione in Italia ed in Basilicata diffusi dall’Istat sono altamente preoccupanti e portano ancora a basarsi su due termini lingfuistici che denotano ampiamente la situazione: emergenza e drammaticità.Per fronteggiare la crisi occupazionale, arriva una ricetta che potrebbe stare nella staffetta generazionale , una misura, che certamente non è risolutiva, ma che può essere utile a contribuire a rinnovare le amministrazioni e le aziende e ridurre il numero dei giovani inoccupati e disoccupati. A proporlo è il capogruppo del Centro democratico, Nicola Benedetto secondo cui oggi come non mai occorre istituire tale meccanismo per sostenere l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro e per attuare la flessibilità positiva per i lavoratori maturi. L’idea prevede per ogni over 60 in uscita l’assunzione nella Pubblica Amministrazione di due under 25. Una proposta che è stata formalizzata dal centro democratico con una mozione a firma del capogruppo alla Camera Nello Formisano a cui hanno aderito quasi tutti i gruppi parlamentari ed approvata con il parere favorevole del precedente Governo Letta. Un primo risultato già c’è stato: l’impegno dell’attuale ministro del Lavoro Poletti di estendere la staffetta generazionale a tutto il territorio nazionale.vanno quindi individuati rimedi in tempi brevissimi per non tagliare intere generazioni dal mercato del lavoro in un sistema produttivo che non concede possibilità di reinserimento a persone che abbiano un buco nero di alcuni anni nel loro curriculum culturale e professionale. Per benedetto, con uno stanziamento di un miliardo e mezzo di euro, si potrebbero assumere 190 mila giovani. L’operazione comporterebbe minore costo per le imprese di tre miliardi e 200 milioni e un aumento rilevante dell’occupazione giovanile con ricadute positive sul sistema economico nazionale.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *