Pollica (SA): visita del Ministro dell’Ambiente Galletti. I RD del Vallo di Diano consegnano documento su problemi ambientali territorio

Visita, ieri, del Ministro dell’Ambiente  Gian Luca Galletti, a Pollica ospite del convegno ‘Tra green opportunities ed emergenze ambientali”, organizzato dal sindaco della cittadina, Stefano Pisani. Un incontro importante, in vista, inoltre dell’imminente nomina del Presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni, commissariato proprio ieri, con la nomina del Presidente uscente, Amilcare Troiano.  “Green economy e dissesto idrogeologico”, questi alcuni dei temi  sviluppati nel corso dell’incontro. In merito il Ministro Galletti ha dichiarato “Non possiamo sempre lavorare sull’emergenza”,  parlando proprio dell’emergenza idrogeologica  che interessa l’intera  penisola italiana.  Per Galletti “è necessario avviare un piano nazionale di prevenzione dei rischi, con una progettazione di lungo periodo.  I fondi ci sono , ha sottolineato il Ministro rivolgendosi ai Sindaci presenti, ed io posso aiutarvi a spenderli”.  A Pollica inoltre, il Ministro ha incontrato  la moglie ed il figlio di Angelo Vassallo, il Sindaco ucciso nel 2010.

Nella cittadina cilentana  presenti anche i Rinnovatori Democratici del Vallo di Diano,  che  hanno consegnato al Ministro Galletti un documento( la lettera dei Rinnovatori Democratici del Vallo di Diano consegnata al Ministro Galletti) nel quale illustrano la profonda preoccupazione per temi  di natura ambientale che riguardano il nostro territorio. In primo luogo, sicuramente il più urgente, è la realizzazione della  stazione elettrica della Società Terna Spa,  nel territorio di  Montesano sulla Marcellana, a poca distanza dal centro abitato. Nel documento, inoltre, viene riportata  anche la questione relativa sia alla tutela dall’esposizione ai campi elettromagnetici che  quella relativa alla discussione alla 13ª Commissione permanente del Senato (Territorio, ambiente, beni ambientali) del Disegno di Legge “Nuove disposizioni in materia di aree protette”, revisione della Legge quadro sulle Aree protette 394 del 1991. I Rinnovatori democratici chiedono al Ministro, “che la nuova disciplina dei Parchi nazionali per le aree contigue,  possa prevedere una particolare attenzione alla salvaguardia dei paesaggi rurali e dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO,” vietando qualsiasi tipo di attività estrattiva e di caccia.

Nel corso dell’incontro, inoltre, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra il centro studi Angelo Vassallo e il Ministero dell’Ambiente, nel quale entrambe le parti, “si impegnano a promuovere delle azioni contenute negli impegni governativi previsti all’Unesco in particolare la promozione della giornata mondiale della Dieta mediterranea per il 16 novembre 2014 e la costruzione del progetto comune Dieta mediterranea ad Expo 2015”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#