Sala Consilina (SA) : la Prefettura di Salerno autorizza variazioni alla toponomastica cittadina

Con il parere favorevole della Società Salernitana di Storia Patria, la Prefettura di Salerno ha autorizzato il Comune di Sala Consilina a compiere le variazioni alla toponomastica cittadina approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del 9 dicembre 2013. L’Amministrazione comunale di Sala Consilina, con la delibera 168, adottata nel passato mese di dicembre, ha approvato le proposte di variazioni e di nuove intitolazioni di strade, formulate dal responsabile dell’Ufficio Cultura e Biblioteca, sulla scorta degli esiti degli incontri tenuti dalla Commissione Toponomastica e delle indicazioni fornite dagli uffici comunali, dai rappresentanti dell’Amministrazione e dai responsabili per la toponomastica e per gli adempimenti topografici ed ecografici. L’intervento si integra operativamente con il Progetto “AIRT. Realizzazione sottosistema toponomastica, anagrafe immobiliare e igiene urbana“, di cui Sala Consilina è “Comune Pilota”, promosso dalla Comunità Montana Vallo di Diano di Padula, in convenzione con l’ISTAT e finanziato dal POR Campania FESR 2007-2013. Il progetto AIRT è rivolto ai 15 Comuni del Vallo di Diano e si fonda su un’attività di “rilevazione della numerazione civica e della toponomastica” e di “censimento degli edifici”, condotta da operatori del settore che, dal passato mese di febbraio, si muovono sui territori di Sala Consilina e degli altri Comuni interessati. Si è passati dalla fase di individuazione delle strade prive di nomi a quella delle intitolazioni, dalla comparazione dei dati riportati dallo Stradario del 1966, dal Sistema WEB-GIS e dall’Anagrafe comunale alla definizione dei nuovi capisaldi e punti di percorrenza. L’aggiornamento conclusivo dello Stradario Comunale si avrà, infine, con la classificazione delle strade ricadenti nel territorio amministrativo del Comune – includendovi anche i tratti di strada di proprietà privata diventati parte integrante della rete cittadina e del traffico pedonale e veicolare, ove si è costituito giuridicamente il diritto di uso pubblico –, con la definizione della natura del fondo stradale e con la misurazione di ciascuna strada, per le cui elaborazioni sono coinvolti il Settore Tecnico Comunale e la Polizia Municipale. L’operazione ricognitiva potrà dirsi definitivamente conclusa con l’assegnazione dei numeri civici e con il conseguente aggiornamento anagrafico.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#