Autorità portuali: Napoli e Salerno verso l’unione

Entro maggio il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi illustrerà la riforma del sistema portuale italiano. E nel piano ipotizzato – sulle scorta dei tagli indicati dal premier Matteo Renzi – c’è l’accorpamento dell’Autorità portuale di Napoli e Salerno. Lo rivela il corriere del mezzogiorno con un particolare focus su quello che potrebbe avvenire ai due porti campani, tra i più grandi del Sud d’Italia, con la struttura salernitana che dovrebbe essere assorbita da quella partenopea. «Bisogna passare dalle parole ai fatti – ha detto Lupi – i tempi non sono più procrastinabili. Spero che a fine aprile, massimo metà maggio, possa essere presentata la riforma. La nuova programmazione riguarda grandi bacini logistici. E’ una novità necessaria per adeguarci alla modernità di cui l’Italia ha bisogno». Il primo «no» alla riforma arriva dal deputato di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli: «L’ipotesi di riforma della portualità avanzata dal governo, che prevede l’abolizione dell’Autorità portuale di Salerno, con l’accorpamento del porto a quella di Napoli, è inaccettabile – sostiene il parlamentare – il porto di Salerno è oggi una realtà fondamentale per la crescita e lo sviluppo della Campania e del Sud Italia. Un accorpamento con Napoli, distante anni luce per efficacia e risultati conseguiti, vorrebbe dire mettere a rischio l’economia e l’industria della nostra provincia, già pesantemente colpite negli ultimi anni. Mi auguro, pertanto – conclude – che i parlamentari salernitani, segnatamente quelli del Pd, partito di governo, siano uniti e si impegnino per evitare che l’esecutivo Renzi perpetri un nuovo scippo al nostro territorio, dopo quello dei 123 milioni di euro per la realizzazione della terza corsia del raccordo Salerno-Avellino». Dalla mostra d’Oltremare di Napoli, arrivano a tal riguardo anche le dichiarazioni di Caldoro, che parla di una governarce comune.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *