Tribunale Sala C.na: questa mattina, conferenza stampa, dopo la visita di Simone Valiante al Tribunale di Lagonegro

CLICCA PER GUARDARE L’INTERVISTA A  SIMONE VALIANTE E A DONATO PICA

Il deputato del partito democratico Simone Valiante ha effettuato nella mattinata di oggi, un sopralluogo presso le strutture giudiziarie di Lagonegro. Una verifica fortemente sollecitata dall’Unione Giuristi Cattolici e dal Comitato Pro-Tribunale di Sala Consilina a seguito delle ulteriori segnalazioni inviate al Ministero di Giustizia sul perdurare delle criticità, delle inagibilità e della mancanza di sicurezza nel Tribunale di Lagonegro. L’Onorevole inoltre, non molti giorni fa, ha inviato una lettera al Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, per denunciare le inadeguatezze strutturali del Tribunale di Lagonegro facendo particolare riferimento  alla nuova sede destinata all’archivio storico, tuttora giacente nel Palazzo di Giustizia di Sala Consilina, esteso per centinaia di metri quadrati, con migliaia di fascicoli, e che sarà trasferito in un vecchio mulino a Lagonegro, molto distante dall’attuale Palazzo di Giustizia”. Dopo aver effettuato il sopralluogo , l’On. Simone Valiante, ha tenuto a  Sala Consilina, una conferenza stampa nel corso della quale il deputato salernitano ha illustrato tutte le azioni messe in atto nel corso dell’ultimo anno, per evidenziare l’illegittimo accorpar mante del Tribunale di Sala Consilina quello di Lagongero, in un’altra Regione, e tutte le criticità che presenta la struttura lucana da più parti ritenuta non idonea ad ospitare gli uffici dell’ex presidio di giustizia salese. Nell’excursus di Valiante, gli aspetti più volte ribaditi ed evidenziati, riguardano sia l’accorpamento al di là del territorio regionale “Unico caso che si è avuto con la riforma del geografia giudiziaria, che rischia di far posticipare, ancor di più di quanto normalmente avviene, la risoluzione delle controversie in atto, facendo pesare sui cittadini il peso di una giustizia lenta e macchinosa. Si prevede infatti, scrive Simone Valiante, nel documento di sintesi, che la risoluzione delle cause già pendenti sino previste non prima del 2020”. “La soppressione del Tribunale di Sala Consilina, conclude il documento, ed il suo conseguente accorpamento con il Tribunale di Lagonegro ricadente in provincia, in Regione ed in Corte di Appello diverse, violano il criterio direttivo fissato dall’articolo 1, delle legge delega n.148 del 2011. Tale, norma, infatti, impone il riequilibrio fra uffici giudiziari diversi unicamente e giustamente nella stessa area provinciale e giammai fra due tribunali rientranti, come è accaduto nella fattispecie, in due province, in due regioni ed in due corti di appello differenti.   All’incontro hanno preso parte anche il Consigliere Regionale del PD, Donato Pica, alcuni amministratori del Vallo di Diano, l’Avvocato Angelo Paladino, Presidente dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani, sezione di Sala Consilina e alcuni componenti del Comitato Pro-Tribunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#