Elezioni Europee ed Amministrative 2014: modalità di voto

Domenica 25 Maggio si vota per rinnovare il Parlamento Europeo. Le operazioni di voto si svolgono in un’unica giornata, dalle ore 7.00 alle 23.00. Per poter votare il cittadino si deve recare al seggio con la tessera elettorale e un documento d’identità valido. Affinché il voto sia valido bisogna tracciare un segno sul simbolo della lista prescelta. Non possono essere manifestate più di 3 preferenze. Il voto di preferenza si esprime scrivendo nome e cognome o solo il cognome del candidato. Nel caso in cui si volessero esprimere 3 preferenze, uno dei candidati scelti deve essere donna, altrimenti la III preferenza verrà annullata. Se invece le preferenze sono 2 non è necessario introdurre un candidato di sesso femminile. Per le liste di minoranza linguistica, collegate ad un’altra lista, può essere espressa 1 sola preferenza. Qualunque altro segno apposto sulla scheda la rende nulla.

 

Nella stessa giornata e negli stessi orari si vota anche per il rinnovo delle amministrazioni comunali

Comuni con meno di 15 mila abitanti

Per scegliere il candidato alla carica di Sindaco, è sufficiente tracciare un segno sul simbolo della lista che lo sostiene. È inoltre possibile esprimere una preferenza, scrivendo nell’apposito spazio il cognome del candidato alla carica di Consigliere, appartenente alla lista collegata al Sindaco votato.

Non si può esprimere un “voto disgiunto”, cioè votare un sindaco ed esprimere la preferenza per un candidato consigliere di una lista diversa da quella cui appartiene il Sindaco.

Sistema elettorale. Viene eletto Sindaco il candidato che avrà ottenuto  il maggior numero di voti. L’eventuale ballottaggio, dopo 2 settimane, si ha solo in caso di parità di voti trai primi due candidati. Alla lista che appoggia il Sindaco eletto, vanno i 2/3 dei seggi disponibili. I restanti seggi vengono distribuiti proporzionalmente tra le altre liste.

Comuni con più di 15 mila abitanti

Il cittadino può esprimere il proprio voto in 3 modi diversi. Tracciando un segno solo sul simbolo della lista, dando la preferenza solo alla lista contrassegnata e anche al candidato Sindaco appoggiato da quest’ultima. La II modalità è quella di tracciare un segno sulla lista, indicando eventualmente la preferenza di uno dei candidati alla carica di Consigliere appartenente alla  lista stessa, e tracciando contestualmente un segno sul nome di un candidato Sindaco  non collegato alla lista votata, così facendo si ottiene il cosi detto “voto disgiunto”. La III modalità è quella del tracciare un segno solo sul nome del candidato Sindaco, votando così solamente per il candidato e non per le liste a lui collegate. Nel caso in cui l’elettore volesse esprimere 2 preferenze, queste devono essere di sesso diverso, pena l’annullamento della II preferenza. L’eventuale turno di ballottaggio per le Amministrative 2014 si svolgerà domenica 8 Giugno.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *