Ospedale “Curto” di Polla(SA): al Pronto soccorso, somministrato cicatrizzante al posto del collirio


Brutta avventura per un uomo di 55 anni residente ad Atena Lucana. Lo scorso 6 maggio, mentre stava eseguendo lavori di bricolage presso la sua abitazione, ha cominciato ad avvertire bruciore all’occhio destro. Preoccupato, l’uomo, insieme alla moglie, decide di recarsi al Pronto Soccorso del “Curto” di Polla. Qui, il medico di turno, mancando un oculista, fa somministare all’uomo,  da un’infermiera, un collirio, al fine di lenire il forte dolore che il 55enne avvertiva all’occhio destro. Così, l’infermiera fa cadere nell’occhio del malcapitato delle gocce di liquido, che stando a quanto dichiarato dall’uomo,  “appena entrato in contatto con l’occhio gli ha provocato forti disturbi oltre ad un forte dolore”. Nel momento in cui l’uomo, insieme a sua moglie, stavano per ritornare a casa, l’infermire gli consigliò “se ti fa  male puoi metterci quest’altra soluzione medica” dandogli quindi una fialetta. Tornati a casa, purtroppo il dolore all’occhio continuava ad acuirsi, l’uomo inoltre, dovette constatare dinanzi ad uno specchio, che non riusciva più ad aprirlo, come se qualcosa trattenesse la palpebra. Così , ancor più impaurito, ritornò,  al “Curto” di Polla, dove ritrovò lo stesso medico, che lo aveva accolto in precedenza, ma non più l’infermiera che gli aveva somministrato il liquido. Il sanitario, rendondosi conto della gravità di quanto era accaduto, chiamò il medico oculista reperibile, il quale giunto all’ospedale capì subito quello che era successo: al posto del collirio, la prima infermiera incontrata dall’uomo al pronto soccorso, aveva messo nell’occhio del cicatrizzante, utilizzato per le ferite. L’oculista ha dovuto quindi tagliare le ciglia incollate e procedere alla divisione delle palpebre anch’esse incollate. Lo stesso medico, confessò, all’uomo, che l’errore fu commesso dalla prima infermiera, poiché  erano stati erroneamente posizionati i medicinali sul piano medicine.   Per quanto accaduto l’uomo ha presentato formale denuncia presso la Stazione Carabinieri di Sala Consilina, i quali dovranno accertare la responabilità dei fatti accaduti. Una cosa è certa, il malacapitato 55enne ha rischiato seriamente di perdere un occhio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *