Cilento: Abusi edilizi. La Forestale denuncia 5 persone e sequestrate opere edilizie nei comuni di Camerota e San Giovanni a Piro

Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato di Vallo della Lucania hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria cinque persone nei comuni di Camerota e San Giovanni a Piro, responsabili di aver effettuato interventi edili abusivi in zone sottoposte a speciale tutela. I reati ambientali venivano perpetrati in diverse località sottoposte a vincolo idrogeologico, paesaggistico-ambientale, all’interno dell’area protetta del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Il Comando Stazione Forestale di San Giovanni a Piro, a seguito di segnalazioni, ha riscontrato nelle località Teano,  nella frazione Licusati, in località Ascianea ed in località S. Maria al Piano, ricadenti nel comune di Camerota, la costruzione abusiva di opere edili di nuova costruzione realizzati in assenza di permesso a costruire, ed in assenza del nulla – osta da parte degli Enti preposti.

Dai piazzali abusi, a terrazzamenti anch’essi abusivi fino alla opere edili e tracciati stradali. Sono queste le opere che hanno messo nei guai i trasgressori.  Sempre il Comando Stazione Forestale di San Giovanni a Piro, ha scoperto in località “Marcaneto” la realizzazione di opere abusive, anch’esse eseguite senza alcun titolo autorizzativo, alterando in modo sostanziale gli aspetti urbanistici-edilizi della zona e creando un forte impatto a livello paesaggistico-ambientale.  I cinque trasgressori denunciati dalle Giubbe Verdi, dovranno rispondere per il reato di abusi edilizi, deturpamento di bellezze naturali e invasione di fondo di aree demaniali. Le operazioni di indagine sono partite dopo alcune denunce prestate da cittadini del posto.

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#